Pubblicazioni
Home > Pubblicazioni > Facilitating Science Learning through a Multidisciplinary Approach

Facilitating Science Learning through a Multidisciplinary Approach

Convegno : New Perspectives in Science Education - LibreriaUniversitaria

Pubblicato: 23/03/2018

Sondaggi internazionali, come il TIMSS 2015 (Trends in International Mathematics and Science Study) mostrano l’evoluzione delle prestazioni degli studenti in materie scientifiche che in alcuni paesi Europei, come l’Italia, si posizionano sulla media OCSE mentre risultati più positivi si registrano nei paesi tecnologicamente più avanzati provenienti dall’Asia.
Significativo è il divario nella comprensione tra la più “reale” geometria e la più “astratta” algebra. Le cause possono essere trovate nei pochi stimoli che gli studenti ricevono dagli attuali metodi di insegnamento. Secondo le odierne teorie, la motivazione dello studente è direttamente proporzionale alla capacità di comprensione  dell'argomento studiato. Questa capacità attiva l'abilità di autovalutazione, stimolo per migliorare la performance nel processo di apprendimento e nell’aumento dell'interesse dello studente nel trattare anche con concetti scientifici difficili.
Tuttavia, a causa delle caratteristiche soggettive dello studente, gli attuali approcci di insegnamento sono, a volte, simili al modello della scatola nera, in cui sono noti i risultati, ma non sono noti i processi implementati per raggiungerli.
Pertanto, gli approcci didattici dovrebbero essere più centrati sui bisogni degli studenti e meno su un processo sistematico focalizzato solo sulla memorizzazione dell'enunciazione dei teoremi e delle formule da applicare. Ad esempio, nel caso dello studio della matematica, la vera conoscenza si verifica quando è possibile estrapolarla in un altro contesto in cui è più “visibile”, cioè i concetti matematici diventano vividamente contestualizzati.
Ciò significa che il suo apprendimento è essenzialmente facilitato quando i concetti da studiare vengono appresi in relazione ad altre materie come la biologia, l'arte o la filosofia, perché ciò consente agli studenti di "visualizzare" e "concretizzare" meglio le astrazioni matematiche. In questo contesto il documento intende descrivere un approccio innovativo riferito alla teoria della variabilità, aspetto chiave nel metodo di Singapore per lo studio della matematica, dimostrando, inoltre, il valore aggiunto dell'interdisciplinarità e della multidisciplinarità basata sul legame assoluto esistente tra umanistico e materie scientifiche in cui gli stessi concetti sono rappresentati in forme diverse.
 
Parole chiave: Formazione matematica, imparare facendo, problem solving, apprendimento potenziato dalla tecnologia.
Visualizza il documento allegato Visualizza il documento Articolo completo
Stampa